Comacchio e Lidi

Comacchio tra mito e scienza, l'incontro presso l'ex Nave Romana

Comacchio tra mito e scienza, l

Sabato 25 maggio, a partire dalle 9.30 presso l'edificio dell'Ex Nave Romana, Comacchio riscoprirà una parte del proprio passato tra mito e scienza. Si parlerà della trasformazione che la dominazione francese ha operato sull'assetto sanitario e socioeconomico della comunità comacchiese. Una mattinata ricca d'interventi di prestigio accoglierà tutti i visitatori.

L’incontro, introdotto da Caterina Cornelio, direttrice del Museo Delta Antico, si inserisce nel percorso di approfondimento storico e archeologico avviato dall'Assessorato alla Cultura del Comune di Comacchio, per dettagliare, con sempre maggiore attenzione, tutto ciò che gravita attorno al Museo Delta Antico: sia per il suo apparato archeologico che per lo splendido manufatto architettonico che lo ospita.

Sulla genesi storica dello "Spedale degli infermi" interverrà Aniello Zamboni, passando poi a Maurizio Marcialis il compito di descrivere lo stato dell’arte al momento dalla sua dismissione delle funzioni di cura dell’edificio. Riccardo Modestino spiegherà il ruolo di Parigi e della Rivoluzione francese, erede dell’innovazione nell'ambito della medicina e dell'agire politico. 

Una disciplina medicina fondata su istanze estremamente attuali: libertà dal bisogno, uguaglianza sociale e fraternità fra curanti e curati, fra medici e cittadini. Gianluca Lodi descriverà invece le trasformazioni migliorative delle condizioni di vita in Città, con le misure attuate per contenere le insalubrità di un territorio, chiuso tra mare e laguna, causa di molte delle malattie diffuse all'epoca. 

Maurizio Pajola parlerà delle acque che assunsero una salinità produttiva. Con l'acquisto delle valli si ebbe la concretizzazione di un sogno e la realizzazione di un impianto salifero. Durante la mattinata saranno dibattuti anche i mutamenti di carattere socio-economico che seguirono l’occupazione francese. Chiuderà la giornata di studi dedicati all'epoca napoleonica Alessandro Bondesan, con un contributo su La “Carta Napoleonica del Basso Po”, esito di un grande sforzo dei cartografi militari dell'esercito napoleonico.

Al termine dell’incontro è prevista una degustazione offerta dall’Associazione Italiana Sommelier- Delegazione di Ferrara, con il contributo Po Delta Tourism.

Condividi su:

Altre notizie: