News

Arriva Immuni, l'app per tracciare i contagi Covid19

Arriva Immuni, l

Sviluppata dalla Bending Spoons sarà presto disponibile sui nostri smartphone


Si chiama IMMUNI l'applicazione per smartphone pronta ad entrare nella vita quotidiana degli italiani ai tempi del Coronavirus, la prescelta dal Commissario straordinario per l’emergenza sanitaria Domenico Arcuri tra le app pensate per monitorare e tracciare i cittadini contagiati da Covid19 attraverso la tecnologia Bluetooth. 

Sviluppata gratuitamente dalla software house milanese Bending Spoons con la collaborazione del Centro medico Santagostino, la sua istallazione sarà facoltativa e non obbligatoria, anche se per ottenere un risultato significativo è auspicabile un utilizzo diffuso da parte della popolazione. L’applicazione infatti è studiata per tracciare i contatti avuta da una persona contagiata: chi è entrato in contatto ravvicinato con un utente registrato come positivo al Covid19 riceverà una notifica dall'applicazione stessa, qualora il contagiato dia il consenso all'operazione di tracciamento dei contatti.

L'obiettivo, sulla scia di quanto già sperimentato in altri Paesi del mondo, è quello di isolare i focolai del virus e tenere il più possibile sotto controllo la catena dei contagi. Nel giro di pochi giorni sono stati oltre 300 i progetti telematici presentati ai responsabili dell'emergenza dagli esperti sviluppatori. 

Come spesso avviene in questi casi, è lecito pensare ai risvolti dell'utilizzo di una simile applicazione sulla tutela della privacy dei suoi utenti. Ebbene, l'app Immuni non intende compromettere le norme sulla privacy e sulla protezione dei dati personali e per tale ragione gli sviluppatori hanno optato per un sistema di tracciamento basato sul Bluetooth (e non sul GPS) che non prevedesse la diffusione non autorizzata di dati sensibili, per impedire che si possa risalire agli utenti senza il loro esplicito consenso.

Dopo i necessari test, l'app Immuni sarà disponibile nei prossimi giorni su Google Play Store e App Store.

Condividi su:

Altre notizie: